#Occupy4Migrants : La FIDH lancia una campagna per chiedere ai leader europei di salvare i migranti

19/06/2015
Communiqué
ar en es fa fr it_fem

Il 25 e 26 giugno, i leader europei si riuniranno a Bruxelles per definire una nuova politica migratoria europea. E’ in tale contesto che la FIDH oggi lancia, insieme a numerose altre ONG, la campagna #Occupy4Migrants.

Obbiettivo : invitare coloro che navigano in rete a manifestare virtualmente a Brussels a permettere loro di chiederei ai leader europei di salvare e proteggere le persone migranti che tentano raggiungere l’Europa.

« Le decisioni che saranno prese a questo summit avranno delle conseguenze dirette sulla vita di migliaia di persone migranti » ha dichiarato Karim Lahidji, Presidente della FIDH. « Il rispetto dei loro diritti dovra’ essere al centro delle discussioni »

A traverso #Occupy4Migrants i navigatori del web faranno sentire le loro voci al fianco della FIDH ed altre ONG. Insieme chiederemo ai leader europei :

  • l’organizzazione di una vera e propria operazione di salvataggio nel mar Mediterraneo, dotata dei mezzi necessari a prevenire i naufragi e a soccorrere efficacemente le persone in pericolo ;
  • l’accoglienza solidale dei migranti sul territorio europeo;
  • l’apertura di vie d’accesso legali e sicure per permettere ai migranti di recarsi in Europa senza rischiare la vita.

Il summit europeo in questione si terrà pochi giorni dopo la Giornata Internazionale dei Rifugiati, che ricorre il 20 Giugno 2015.

Elena Crespi, responsabile de programma Europa della FIDH é disponible per rispondere alle domande dei giornalisti (in inglese, francese e italiano).

La FIDH ’ una ONG internazionale a favore della difesa dei diritti umani che riunisce 178 organizzazioni da 120 paesi. Dal 1922, la FIDH si impegna a favore della difesa dei diritti civili, politci, economici, sociali e culturali come definiti nella Declarazione Universale sui Diritti dell’Uomo. La FIDH ha sede a Parigi e uffici a Abidjan, Bamako, Bangkok, Bruxelles, Conakry, Ginevra, L’Aia, New-York, Pretoria e Tunisi.

Lire la suite
communique